Girare al Nürburgring con la Ferrari FXX-K EVO: fatto!

Girare al Nürburgring con la Ferrari FXX-K EVO: fatto!

“Non capita spesso di affrontare questa curva in quinta piena a 240 km/h…”. L’entusiasmo di Christian Colombo, pilota Ferrari Clienti già vice-campione mondiale ed Italiano Ferrari Challenge, è palpabile attraverso l’interfono mentre superiamo curva 13 del Nürburgring (Advan-Bogen) verso la staccata della Ngk-Schikane. La velocità massima che si raggiunge sul breve rettilineo del tracciato di F1 è di 265 km/h. Il mezzo meccanico che rende tutto questo possibile è l’ultima evoluzione della FXX-K, la EVO appunto. Si distingue della FXX-K per la diversa forma del muso, con quel caratteristico scalino, per gli estrattori posteriori e soprattutto per la pinna centrale che parte dal tettuccio e si ricongiunge con il generoso spoiler posteriore – nuovo anch’esso – che congiunge le due pinnette del modello originale. Un meraviglioso mostro da 1050 cv che solo pochi eletti hanno la fortuna di guidare. Ne esistono molto poche, soltanto una quarantina e valgono oltre quattro milioni di euro ciascuna. Normalmente le guidano soltanto gli acquirenti, tranne rare eccezioni…

FXXK-4

Per celebrare il 10.000° pneumatico prodotto per il programma XX, Ferrari ha concesso a Pirelli di ospitare un paio di giornalisti a bordo di una FXX-K EVO di un anonimo cliente molto disponibile che ci teniamo a ringraziare. Siamo stati infatti i primi cronisti in assoluto a salire sull’ultima versione EVO, anche se soltanto da passeggeri. Una volta indossata la tuta, il casco con Hans ed aver riempito l’abitacolo di telecamere di ogni tipo, Christian ci ha fatto vedere i famigerati «sorci verdi». Pur andando al 60-70 per cento delle sue reali possibilità, gli bastano un paio di curve per capire fin dove può spingere il grip dei Pirelli P Zero in dotazione. La velocità percepita è da curvatura spazio-temporale, ma ciò che più sconvolge è la tenuta della traiettoria e l’assetto in curva: sembra di viaggiare su una biposto di formula 1 per quanto la FXX-K EVO è precisa e veloce, solo che in questo caso abbiamo un tetto sulla testa e l’aria condizionata!

FXXK--2

Il sound del dodici cilindri Ferrari della FXX-K EVO (aspirato da 137 cv/litro!) fa tremare i polsi. La progressione con la quale spinge fin dai più bassi regimi, coadiuvato anche dal motore elettrico da 190 cv, ti incolla al sedile fino al regime massimo di rotazione di 9200 giri/min. Dopo aver snocciolato le sette marce del cambio F1 a doppia frizione. La FXX non è piccola: quasi 4 metri e 90 cm di lunghezza, ma con un passo di 2,65 metri che la rende agile come un felino tra le curve di qualsiasi tracciato. Sul dritto come in curva, l’ottimo telaio è aiutato dall’aerodinamica attiva che varia l’incidenza dei flap anteriori e del generoso alettone posteriore a scomparsa che sembra un DRS al contrario: compare in frenata e nelle curve per poi sparire sul dritto veloce. Gli oltre 900 Nm di coppia massima fanno il resto, catapultandoti da una curva all’altra alla velocità della luce. “La FXX-K EVO è facile da guidare – ci convince Colombo –  grazie alle cinque regolazioni del manettino sul volante. L’obiettivo era quello di fare andare forte i clienti senza spaventarli ed aiutarli ad andare sempre più veloce in modo progressivo, divertendosi ad ogni step. Con le diverse regolazioni della mappatura di motore, cambio, controllo di trazione e di stabilità, ripartitore della frenata e differenziale elettronico è come guidare 5 auto diverse”. Il manettino è al centro del volante che sembra quello delle monoposto di Formula 1 dei primi tempi di Michael Schumacher. Ci sono tanti pulsanti ed interruttori, la maggior parte espressamente richiesti dai clienti FXX.

pirelli-ferrari-xx-nurbrgring (13)

Però le cose belle, si sa, durano poco. Così, dopo appena una decina di chilometri e con un sogno realizzato rientriamo ai box dove ci attendono i meccanici della Ferrari Clienti che seguono le attività in pista. Qualche secondo e le luci verdi di sicurezza si accendono: la diagnosi dei sistemi elettrici ad alta tensione da esito positivo e possiamo scendere senza patemi d’animo. I meccanici aspettano a toccare l’auto fino a quando i tre Led verdi integrati nella pinnetta posteriore non lampeggiano: è il segnale che l’auto è sicura. Se così non fosse (mai successo) dovremmo lasciare l’auto facendo un saltino per evitare di fare ponte con la terra e diventare così un potenziale parafulmine, ma prima di morire folgorati vorremmo realizzare un’altro sogno: guidare la FXX-K EVO! Il che comporta: possedere un certo numero di Ferrari stradali, compresa qualche serie speciale, acquistare una delle rare FXX prodotte e l’obbligo di portarle in pista spesso e volentieri. Che ne dite, si può fare?

  • FXXK-4
  • pirelli-ferrari-xx-nurbrgring (9)
  • FXXK--2
  • pirelli-ferrari-xx-nurbrgring (8)
  • FXXK-
  • FXXK--3
  • pirelli-ferrari-xx-nurbrgring (13)
  • pirelli-ferrari-xx-nurbrgring (15)
CONDIVIDI SU

Lascia un commento

INCENTIVE
VIDEO
ALTRI VIDEO